Il primo palinsesto (a posteriori) di Periscope

Periscope è come la TV, solo che ti sta in tasca. La differenza sostanziale però con la Tv che conosciamo, quella che in tasca non sta e se ci sta non la consideri come a casa propria, è che la puoi fare tu, in diretta, ovunque. Basta saperlo fare. Basta imparare a farlo. Qualche giorno fa abbiamo…

Periscope, un primo bilancio: ecco cosa funziona e cosa no

Dopo quattro mesi di Periscope possiamo azzardare un primo, minimo, bilancio. Come spesso capita nelle cose umane, sono stati smentiti sia i catastrofisti (“sarà un flop, una moda passeggera, durerà una stagione”) sia gli entusiastici sognanti (“il mondo non sarà più lo stesso, realizzati i sogni di Joyce, Wallace, Proust, Marinetti, Calimero e Don Bachi”)….

Non basta comunicare bene, conta anche chi lo fa

Ogni politico o movimento ambisce alla disintermediazione. È più comodo e, soprattutto, la disintermediazione funziona. Funzionò quella catodica di Berlusconi. Ha funzionato quella digitale, ma monodirezionale, del blog di Grillo. Funziona quella in 140 caratteri di Renzi, il #matteorisponde, il tweet diretto, sferzante, che arriva al singolo senza mediazioni. La tv, il blog, Twitter, e…

Noi e Ana.

Questa pagina del nostro diario, inizia e finisce con Anne o, come dicon tutti, Ana. Se passate da Portland, nel Maine, fate un salto a trovare Ana. Lavora come cameriera in un bar con cucina di fronte al porto dove puoi mangiare il fantastico lobster roll, la specialità locale d’astice che più fresco non si…

La città non esiste

Il laghetto del Central Park non è ancora gelato, ma le anatre non ci sono. Sono volate via. Nessuno è venuto a prenderle per portarle “vattelappesca dove”. Semplicemente è venerdì sera, poco dopo il tramonto e il cielo sopra a New York prende fuoco e la terra trema, ma non è la metropolitana sotto i…

Le mani nella città

Il nostro destino, qui sulla strada verso Philadelphia e ancora per qualche ora, è ed è stato nelle mani di Monthy, l’autista afroamericano che ha le efelidi come quelle di Morgan Freeman e per questo mi fido di lui, come Robin Hood del saraceno Azeem. Le mani di Monthy sono giganti come quelle di Gianni…

Cataratte

La nostra guida per i primi quattro giorni di viaggio si chiama Greg. È un newyorkese canuto e rubicondo sui settanta. Greg parla quattro lingue e per questo naturalmente io lo invidio fino quasi all’odio viscerale. Greg ci racconta i luoghi che attraversiamo in tre lingue ( italiano, tedesco, spagnolo) ed è molto bravo a…

Le lacrime e l’orgoglio

Centinaia di miglia di giallo, rosso e verde, sfumate, mischiate come sulla tavolozza di un Modigliani a fine bottiglia. Da qui vi scrivo, mentre il pullman corre e si lascia sfilare al fianco scuolabus, pick-up scassati, tir bisontici, laghi e fiumi, le case viste nei film che non puoi non continuare a ripeterti: chissà com’è…

Civati, Letta e le “scelte” del PD

Esattamente due anni fa, Pippo Civati decideva di non votare la fiducia al Governo Letta. L’argomento principale del suo dissenso, che io trovai allora altamente condivisibile, era che il partito democratico avrebbe commesso una profonda scorrettezza nei confronti dei propri elettori scegliendo di governare con Berlusconi, senza un programma chiaro di prospettiva, e soprattutto senza…

Il Cavaliere nel suo labirinto

Silvio Berlusconi è un uomo abituato alla lotta, alla sfida: questi giorni saranno per lui l’ennesima occasione di misurare le sue capacità di combattente. Ma con che carte si presenta a quest’ennesima partita? Abbiamo cercato di fare un breve riassunto: La coalizione: Matteo Salvini sembra aver stabilmente conquistato la scena nell’area di centrodestra; ma se…

Il segreto della vittoria di Renzi fra comunicazione e narrazione

Le parole in politica tendono ad invecchiare rapidamente. Acquistano odore di stantio, spesso usurate dall’utilizzo prolungato, finiscono per svuotarsi di senso o ampliare il proprio campo semantico in maniera così onnicomprensiva da risultare un flatus vocis, una zeppa da incollare al discorso quando non si sa cosa dire, non si conosce abbastanza un argomento o…

Astensionismo: la parola sbagliata sulla bocca di (quasi) tutti

C’è una parola sulla bocca di (quasi) tutti in queste ore: astensionismo. Ma tutti quelli che la frequentano sono pienamente consci del suo reale significato? Recita il vocabolario enciclopedico Treccani: “astenersi di proposito, per ostentazione di indifferenza o di protesta”. Insomma, chi usa questa parola, attribuisce al potenziale elettore, che in questa tornata di consultazioni…